HOME lingue
I luoghi HUB Calabria Book Shop Cerca nel sito
testata  indirizzo
facebook

Alex Pinna

E' stata allestita presso gli spazi espositivi della Casa della Memoria, sede della Fondazione Mimmo Rotella, la mostra "Roy Lichtenstein 1976",  personale di Aurelio Amendola, fotografo che nel corso della sua carriera ha immortalato alcuni tra i principali protagonisti dell'Arte del Novecento eseguendo, tra gli altri, indimenticabili e iconici ritratti di Giorgio De Chirico, Arnarldo Pomodoro, Andy Warhol, Mario Schifano e Alberto Burri.
Nella mostra di Catanzaro è stato possibile ammirare, per la prima volta, 30 scatti (molti dei quali mai esposti o pubblicati in precedenza) realizzati da Amendola a Roy Lichtenstein nel suo studio di Appington, nei pressi di New York, nel 1976.
Quello proposto nella mostra di Catanzaro è un Amendola inedito, che abbandona il consueto bianco e nero per dedicarsi al colore, cristalizzando sulla pellicola tutto il fascino cromatico del lavoro di Lichtenstein e restituendo la febbrile vivacità del suo atelier.
Il reportage fotografico in mostra, inizialmente destinato - insieme ad altri scatti realizzati nella Factory di Warhol - alle pagine del settimanale “Oggi”, è stato riunito e reso pubblico nella sua interezza, per la prima volta, dando allo spettatore l'occasione di leggere e apprezzare una tra le più interessanti e significative testimonianze fotografiche mai realizzate sul lavoro di Roy Lichtenstein.
L’iniziativa è stata curata da Marco Meneguzzo e coordinata dalla direzione artistica di Piero Mascitti. Il progetto è stato riunito in un catalogo edito da Silvana Editoriale.
Per l’occasione, il 17 ottobre, ad Aurelio Amendola è stato conferito il Diploma honoris causa dell’Accademia di Belle Arti di Catanzaro con le seguenti motivazioni:

“L’Accademia di Belle Arti di Catanzaro conferisce il Diploma Accademico Honoris Causa ad Aurelio Amendola in considerazione del grandissimo contributo da lui portato alla valorizzazione della cultura italiana ed internazionale, nella sua unicità e nelle sue articolazioni. Le opere, con le quali Aurelio Amendola ha condotto in questi ultimi anni la sua appassionata ricerca, assumono rilievo non solo dal punto di vista artistico, ma anche dal punto di vista poetico. Il Suo lavoro, espressione di un’indagine fatta di esperienza, fantasia e capacità tecnica, realizza una visione potente, un “potere dello sguardo” che esprime una serie di 'avvicinamenti' alle opere, agli artisti e al loro complesso mondo. L’arte, come scelta e punto di osservazione, l’arte come direzione di sguardo, l’arte come capacità di rendere visibile l’invisibile. Amendola indaga le molteplicità poetiche esprimendo un contegno, un modo di essere, un passo, che il mondo dell’arte contemporaneo, a nome della sua più alta formazione, riconosce come proprio.”

Fondazione Rocco Guglielmo
Corso Mazzini 4 Catanzaro
Tel. +39 0961745517 Email: info@fondazioneroccoguglielmo.it
AMMINISTRATORE